Chiesa di Sant’Ansano – Basati

L’eschiesa basatiistenza di questa chiesa è documentata a partire dal 1538, quando vi esercitava culto il prete Agostino Bartolomeo del Camparetto sotto il patronato della Compagnia omonima, esistente già nel 1581, dipendente dal Pievano della Cappella. Nata come oratorio, divenne poi parrocchia autonoma nel corso del XVIII° secolo. Fino al luglio 1787 la chiesa apparteneva alla Diocesi di Luni-Sarzana, poi passò sotto la neocostituita Diocesi di Pontremoli e infine alla Diocesi di Pisa nel settembre 1798. Al suo interno si trova un altare, proveniente dalla chiesa di S. Maria di Porta al Salto della Cervia, acquistato nel 1812. Di notevole interesse è anche l’organo, situato nel coro, al di sopra della porta centrale d’ingresso, realizzato probabilmente agli inizi del XIX° secolo dalle maestranze di Pomezzana. Nell’archivio della chiesa sono tutt’oggi conservati i libri mastri che raccontano l’evoluzione politico-sociale e spirituale della comunità.

ENGLISH VERSION:

The existence of this church has documented since 1538 when there were the priest Agostino Bartolomeo, minister of the religious organization Compagnia del Caparetto (founded in 1581) under the supervision of the parish priest of La Cappella. It was originally a mere oratory but during the 19th century the title of ‘parish’ was conferred to the church. The church of S. Ansano was in the district until July 1787, under the supervision of the Bishop of Luni and Sarzana, then passed under the diocese of Pontremoli and in September 1789 under the diocese of Pisa. Inside the church it is possible to admire an altar, coming from the church of S. Maria di Porta at Salto della Cervia, bought in 1812. The organ, situated in the chancel over the central door, it’s a fine work realized probably by the workmen from Pomezzana at the beginning of 19th Century. In the archive of the church are still preserved the accountancy books which describe the social-political-spiritual evolution of the community.