Il Castello di Gallicano

gallicanoIl castello di Gallicano, venne edificato probabilmente con i primi insediamenti feudali, anche se non è da escludere una prima fortificazione romana, vista la presenza della via Clodia Nova, comunque l’incursione lucchese del 1170, ci conferma l’esistenza di un primo “Castrum” che dopo la prima distruzione verrà ricostruito e nuovamente danneggiato nel 1370, a questo punto il castello inizierà un percorso di rafforzamento che grazie, ad una serie di ampliamenti di notevoli entità, lo trasformerà in una fortezza. Dopo la distruzione del 1370 che comportò l’abbattimento del mastio, i lucchesi iniziarono a ricostruirlo e a rafforzarne le difese, infatti nella Bolla d’Oro di Carlo V (1376) troviamo citato il “Castrum Gallicani”, a questa rapida ricostruzione, segui un ulteriore intervento, ai primi del ‘400 durante la Signoria di Paolo Guinigi, non conosciamo con certezza il periodo della sua trasformazione in fortezza, ma in alcune mappe tardo medievali, il castello appare circondato, da una seconda cinta muraria semi quadrangolare, difesa da ben 11 torri, comunque nel 1485, la popolazione di Gallicano, ottenne l’autorizzazione ad abbattere la Pieve, collocata fuori dal castello, per poter costruire un nuovo mastio (un torrione) all’interno del castello, dentro il quale verrà anche edificata la nuova chiesa. Le tracce di questa ultima edificazione, ancora oggi sono ben visibili, intorno alla Pieve di S.Jacopo, mentre della seconda cinta muraria, quasi 1500 metri di lunghezza, restano solamente piccole tracce, difficilmente individuabili, inglobate oramai nelle abitazioni costruite dopo il ‘700, al tempo delle guerre con gli estensi, la Repubblica di Lucca punì con pene severe (era previsto anche il carcere avita), chiunque avesse aperto un varco di qualsiasi dimensione (porte, finestre etc..) nelle mura del castello.

http://www.contadolucchese.it/Home%20page.htm

 

Annunci