La Rocca di Castiglione Garfagnana

Nella parte alta del borgo [nord-est], su uno sperone roccioso che domina tutta la Garfagnana, sorge la Rocca,rocca una struttura a carattere difensivo costruita nella sua forma attuale alla fine del ‘300, con perimetro irregolare munita di tre torrioni a pianta semicircolare. Tutti sono dotati di apparto difensivo a sporgere su beccatelli in pietra che servivano per aumentare la superficie del torrione e permettevano di agire protetti dal basso attraverso le ‘caditoie’. Le sue origini medioevali sono confermate dalle distruzioni che la Rocca di Castiglione subì nelle guerre e sotto il dominio dei Castracani divenne il più importante presidio militare di Lucca nella Valle del Serchio. Il castello ebbe una vita travagliata: nel 1170 venne assediato dai Lucchesi, che riuscirono a conquistarlo e lo distrussero in parte, dopo 15 anni venne ricostruito dai suoi feudatari, ma quando i castiglionesi ripresero nuovamente le armi contro Lucca, i lucchesi ritornarono e questa volta lo rasero al suolo. Nel 1230 i castiglionesi,  ricostruirono le fortificazioni per l’ennesima volta ma nel 1277 la città si trovò ancora una volta al centro delle continue guerre che imperversavano in Garfagnana. Venne assediato dai lucchesi e distrutto per la terza volta. Nel giugno del 1370 i figli di Castruccio Castracane occuparono il castello per un breve periodo, alla loro cacciata i lucchesi s’impadronirono definitivamente di Castiglione,  lo rafforzarono dotandolo di 5 torrioni, quello del Mastio ( sulla cui scarpa si apre una porta di accesso ad un’ampia galleria che sale al centro della Rocca ); il torrione del Castellano ( in corrispondenza di questo torrione si trovava, all’interno della Rocca, l’abitazione del Castellano che comandava la guarnigione militare); il torrione della Campanella, alla cui base sta il Baluardo della Rocca, visibile entrando dalla porta che si apre nella cortina di Sardegna ( la cortina unisce il baluardo della Rocca con quello della Torricella e fu costruita nel 1616 dividendo la fortificazione in due quartieri ed isolando quello più debole della Sardegna ).

rocca2Nel 1610 Castiglione, si difese dall’attacco dei modenesi, resistendo al loro assedio ripetuto nel 1613 e da allora il borgo ebbe un lungo periodo di pace, i lucchesi non ripararono neanche i danni subiti durante l’ultima guerra con gli Estensi. L’attuale struttura è del XIV secolo, in questi anni venne ampliata la cortina muraria con una lunghezza  di 750 metri e un’altezza tra gli 11 e 17 metri. Si snodano lungo un perimetro irregolare che segue la pendenza del terreno. Ai lati si alzano tre torrioni a pianta semicircolare, coronati nella parte superiore da beccatelli in pietra. La torre principale del Mastio è formata da grossi blocchi di pietra, le altre due sono chiamate del Castellano e della Campanella. Un quarto torrione a base quadrangolare, di cui restano solo alcuni ruderi, si trova nei pressi dell’ingresso, ed aveva funzione di polveriera. Intorno alla Rocca si sviluppò il centro abitato di Castiglione che per motivi di miglior difesa fu ‘incastellato’, cioè cinto da possenti mura unite da torrioni a forma cilindrica. Le mura della fortificazione si sviluppano per ben 750 metri, sono dotate di camminamento di ronda e strette feritoie per il controllo dell’esterno, probabilmente erano in parte circondate anche da un fossato. Il torrione della Brunella, all’angolo sud-ovest, è stato rimaneggiato dopo i danni subiti durante l’assedio del 1613. Il torrione San Michele, alla’ngolo sud-est, ingloba il campanile dell’omonima chiesa mentre nel torione San Pietro, nella cortina est, sono ancora ben leggibili grandi feritoie per balestre. Oggi si entra nel borgo attraverso tre porte, ma in passato vi era un’unica porta d’accesso munita di ponte levatoio al centro della cortina sud. Le altre due porte furono aperte nel XVIII sec. per rendere più agevole l’ingresso nel paese. Il complesso fortificato di Castiglione può essere considerato uno tra i più importanti e suggestivi esempi di ‘castello vivente’ della valle del Serchio. Ogni anno, alla fine di Luglio, nel borgo viene organizzata una festa Medioevale con corteo in costume.

rocca3

La struttura di proprietà privata è visitabile solo con una guida.
Annunci